Come indossare i mocassini da uomo: una guida rapida

La primavera è alle porte, nonostante la neve che ha colpito tutta Italia nell’ultima settimana. E con l’arrivo della bella stagione, è tempo di riscoprire i mocassini da uomo.

In realtà il mocassino non è necessariamente una scarpa primaverile o estiva: molti uomini li indossano tutto l’anno. 

Di per sé non è un errore indossare i mocassini anche in inverno, e in molti blog di moda ti consigliano di farlo.

Per quanto mi riguarda però, a costo di essere la “voce fuori dal coro”…

Il mocassino in inverno io consiglio di evitarlo

Non c’è una regola precisa che lo vieti, semplicemente mi lascia perplesso. Trovo che vedere la caviglia (con o senza calzini) sia un po’ ridicolo quando ci sono due gradi e magari pure la neve.

Per non parlare del mocassino senza calzini e della caviglia scoperta a metà gennaio, che personalmente trovo ridicoli. Senza contare una ragione tanto semplice quanto logica: ma non hai freddo con la caviglia scoperta e i mocassini senza calzini?

Bah, sarà un mio limite ma certe cose proprio non le capisco. E ripeto, non è un fatto di eleganza o di regole, ma di buon senso. Se son zero gradi, magari direi che una scarpa bassa senza calzini non è proprio la scelta più intelligente.

Non è forse meglio un normale stivaletto, in pelle o scamosciato, che copra la caviglia e protegga il piede dal freddo e dalla pioggia?

Eppure in tanti non la pensano così, sebbene a me la questione sembri così ovvia che non vale nemmeno la pena parlarne. Non a caso, questa è la prima volta che tocco l’argomento – dopo aver prodotto oltre settanta articoli per questo blog, fra le 1000 e le 3000 parole ciascuno. 

E che dire invece del mocassino in inverno coi calzini?

Ok, già va meglio. Sempre meglio del mocassino invernale senza calzini, senza dubbio. Ma anche in questo caso sono un po’ perplesso. Devo ammettere che comunque ai miei occhi stona un po’ esibire una così larga porzione del calzino, specialmente quando fa freddo.

A livello estetico non è bellissimo, perché l’attenzione si focalizza sul calzino e NON sul mocassino – il che è uno spiacevole inconveniente. Ma poi c’è anche il discorso pratico di cui parlavo sopra: un semplice calzino sottile è in grado di proteggerti dal freddo? 

Anche in questo caso ci vuole intelligenza e buon senso. Se proprio ami i mocassini in inverno – e ti ripeto, non è un errore in senso stretto – allora almeno fai attenzione ai modelli.

Un mocassino invernale dovrebbe coprire il più possibile il piede, a differenza di quelli estivi. Meglio in pelle liscia che scamosciato. E deve essere rigorosamente scuro.

Quindi…

In inverno prediligi un mocassino di pelle marrone scuro con un calzino nero.

Non sperimentare con calzini colorati e a fantasia, e non sperimentare con mocassini strani. Vai sul classico: colori sobri e scuri. Piede coperto. E pantalone non troppo corto.

Detto questo, torniamo al nostro tema di oggi, cioè una guida rapida al mocassino. In un semplice articolo non riuscirò a esplorare tutti gli argomenti, ma vorrei tracciare almeno una panoramica generale. Poi in futuro scriverò altri articoli sui mocassini, trattando meglio i singoli aspetti.

Ho già risolto la questione sui mocassini in inverno poco fa.

Ora passiamo al grande dilemma che affligge moltissimi uomini, probabilmente anche te:

I mocassini con o senza calze?

Vanno bene entrambe le soluzioni. Purché tu tenga presente queste regole fondamentali:

– NO calzini di spugna

– NO calzini bianchi

– NO calzini corti (alla caviglia)

– NO calzini chiari

– NO calzini di colori sgargianti

– da limitare quelli a fantasia (ma solo se la fantasia è sottile e discreta)

– preferisci quelli in filo di scozia o in cotone (rispetto alla lana)

– scegli calzini lunghi 

– gli unici colori ammessi sono nero, blu scuro, e grigio scuro (antracite)

– se li indossi senza calze, metti del borotalco ai piedi (specialmente se sono di pelle vera): ne va della salute dei tuoi piedi, oltre che della scarpa in sé

– in primavera e in estate, se vuoi evitare i calzini lunghi, metti i “fantasmini” al posto dei calzini normali

– i “fantasmini” devono SEMPRE essere invisibili: quindi NON si devono vedere, e non devono uscire dalla scarpa in nessun punto e in nessun caso. 

Tutto chiaro?

Bene. Quindi come vedi non sei obbligato a mettere sempre i calzini, né tantomeno sei obbligato a non metterli mai. 

Segui queste regole, e usa semplicemente un briciolo di buon senso. 

La caviglia nuda a mio avviso è ridicola in inverno – tanto quanto è ridicola una calza lunga scura in piena estate.

Se non ci arrivi da solo, francamente hai ben altri problemi che io non posso risolvere con un semplice articolo.

Passiamo ora all’altro grande problema…

 

Quali pantaloni abbinare ai mocassini

Anche qui ci sarebbe da scrivere un articolo a parte (e ti prometto che lo farò, appena ne ho tempo) ma già da subito ti posso dare alcune regole semplici e specifiche che potrai seguire passo passo e applicare alla lettera.

Per aiutarti ancora di più, proverò a schematizzare i concetti e a racchiuderli in poche semplici regole, più facili da consultare e da ricordare:

– Il pantalone NON deve essere troppo largo (massimo 17 cm al fondo)

– Evita i pantaloni troppo aderenti

– Ovviamente sono assolutamente da evitare i pantaloni “a campana” (serve dirlo? Questo non vale solo per i mocassini!)

– Nei pantaloni da completo è ammesso il risvolto, ma non deve essere inferiore ai 3 cm.

– Meglio evitare gli onnipresenti “risvoltini”, soprattutto nei jeans

– La lunghezza del pantalone NON deve essere eccessiva: il pantalone deve appena sfiorare la scarpa sulla parte anteriore. 

– Meglio evitare i pantaloni che lasciano completamente scoperta la caviglia anche quando sei in piedi 

– Sono ammessi i bermuda coi mocassini – anzi, se vuoi indossare i bermuda in estate dovresti farlo SOLO calzando dei mocassini. Ovviamente rigorosamente senza calze.

– Puoi abbinare sia i jeans sia i pantaloni da completo ai mocassini. Ma dovrai fare attenzione al modello del mocassino – e al modello del pantalone.

Queste sono tutte regole che, da sole, ti permetteranno di indossare con successo i tuoi nuovi mocassini. 

Ovviamente non posso spingermi oltre in termini di consigli specifici, perché nel blog sono costretto a rimanere a livello più generale. 

Se vuoi un consiglio specifico sui tuoi mocassini e su come abbinarli, allora ciò che ti serve è la Coaching di Eleganza Maschile.

In uno dei prossimi articoli esaminerò meglio la questione “abbinamenti mocassini”, ma per ora sai tutto ciò che devi sapere per abbinare i tuoi mocassini. 

Se non lo hai già fatto, però, ricordati di scaricare la guida gratuita dedicata ai 7 modelli di scarpe che non possono mancare nel tuo guardaroba.

Puoi riceverla gratuitamente inserendo il tuo indirizzo email in questo modulo:

Alla prossima, e che l’eleganza sia con te!

Nicola Serafini.

 

P.S.

Hai già letto la guida gratuita sulle scarpe e ora vuoi passare al livello successivo?

Benissimo. 

>>> Per entrare nell’Olimpo dell’Eleganza la strada passa da QUI >>> 

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi ricevere la guida gratuita su:
I 7 modelli di scarpe che ogni professionista di successo dovrebbe avere?


Scarica subito la tua copia OMAGGIO della guida, inserendo qui il tuo indirizzo email (dove riceverai il link per scaricare la guida).

Stai per ricevere il link ...

Qualcosa è andato storto