Come devo vestirmi per un colloquio di lavoro?

 

Spesso mi fanno questa domanda. MOLTO spesso.. Anzi, persino troppo.

Sai perché dico “troppo”?

Perché è una domanda che secondo me non ha neppure ragione di essere posta.

Di nuovo… Sai perché?

Perché la risposta può sempre e solo essere una:

DIPENDE!

Dipende… Dipende da una miriade di fattori, fra cui ad esempio:

  1. dalla tua età
  2. dal tuo carattere
  3. dalla tua personalità
  4. dal lavoro per il quale stai sostenendo il colloquio
  5. dal tipo di azienda/struttura in cui ti trovi
  6. dalle tue precedenti esperienze lavorative e dai ruoli che hai ricoperto
  7. dalla città in cui vivi
  8. da ciò che hai scritto sul tuo curriculum
  9. dal messaggio che vuoi trasmettere prima ancora di aprir bocca
  10. e da tanto altro ancora!

Insomma, DIPENDE.

 

Quindi se hai cercato su Google “come vestirsi per un colloquio di lavoro” e sei approdato in questa pagina sperando in una rapida risposta, allora hai sbagliato sito. Perché qui…

Io ti insegnerò realmente come devi vestirti per il tuo colloquio di lavoro, anche e soprattutto in base alle TUE caratteristiche.

Quindi resta sintonizzato e continua a leggere SOLO se vuoi davvero craccare il codice dell’abbigliamento che ti permetterà di fare una buona impressione al colloquio di lavoro per il ruolo dei tuoi sogni.

Cominciamo…

student-849825_960_720

Prima regola. Rileggi la lista dei fattori che ti ho fatto in precedenza. Quella da sola ti farà capire quali sono le varianti da tenere in considerazione.

Il tuo abbigliamento per un colloquio di lavoro deve rispecchiare al millimetro la tua reale personalità. Non quello che vorresti essere, ma ciò che realmente sei.

Diversamente la persona che hai davanti se ne accorgerà. Quindi non sono ammessi trucchetti in questo caso. Non sperare di farla franca.

Se sei un postino, non puoi vestirti per un colloquio come se fossi un manager di una multinazionale o un imprenditore. Non ha senso.

Eh ma al colloquio devo essere elegante, quindi metto la camicia bianca e il completo nero”

Sì, come no… A parte che quello che hai descritto NON è elegante, ma solo formale,  in ogni caso il principale errore che commettono gli uomini in queste situazioni è appunto esagerare con la formalità.

Con il risultato che sono… TUTTI UGUALI!

 

 

Tutti uguali! Impossibili da distinguere nelle sale d’attesa, e dunque anche nella mente di chi ti esamina.

Se non impari a distinguerti dagli altri, e soprattutto a vestirti secondo la tua personalità, non potrai MAI sperare di lasciare un segno nella mente di chi ti esamina.

Ecco perché NON esistono formule magiche valide per tutti.

Ognuno deve trovare il proprio stile, in base a tutti i fattori che ti ho elencato. Così facendo non solo sarai pronto per il tuo colloquio di lavoro, ma avrai anche scoperto… Le radici dell’eleganza maschile!

Certo, perché l’eleganza è la capacità di sapersi vestire in base alla propria personalità, al carattere, al ruolo nel mondo, al proprio fisico… Eleganza è imparare ad adattare ed abbinare il tuo abbigliamento e il tuo look alle TUE caratteristiche. NON a quelle che trovi in una copertina.

Stesso discorso vale per il colloquio.

Per cominciare:

  • Devi innanzitutto distinguerti, ma senza sembrare troppo eccentrico.
  • Devi trovare la giusta misura, sulla linea sottile che separa la perfezione elegante da una figuraccia madornale.
  • Devi vestirti in maniera sobria, ma non piatta e scontata.
  • Devi essere formale ma nemmeno troppo ingessato.
  • Devi aggiungere un tocco di stile personale, ma senza che questo sia troppo appariscente… (ad esempio grazie a una pochette colorata, senza però lasciarla “sbuffare” fuori dal taschino in maniera disordinata, come puoi – e DEVI – fare in qualsiasi altro contesto.)
  • Devi innanzitutto essere modesto e rimanere nei limiti del lavoro per quale stai sostenendo un colloquio… (è inutile che ti vesti come un ministro della repubblica se tanto poi dovrai lavorare in cantiere. Anzi, non solo inutile, ma persino controproducente.)
  • Devi trasmettere serietà e rispetto, ma senza “intimorire” chi hai di fronte. Se ti presenti in maniera troppo perfetta e precisa, con un abito costoso, un Rolex al polso, e vestito di tutto punto dalla testa ai piedi come il giorno del tuo matrimonio… Metterai a disagio la persona che hai di fronte.
  • Devi comunque mantenere un certo decoro, però. Non esagerare neppure nel senso inverso. Se vuoi diventare un mio collaboratore nella mia azienda e ti presenti al colloquio coi pantaloni corti io nemmeno ti faccio sedere.

Insomma devi trovare la giusta misura, senza esagerare né in un senso né nell’altro.

“Facile a dire… ma da dove comincio?”

Hai ragione, non è affatto semplice da mettere in pratica. Ma ti assicuro che è fattibilissimo, e che CHIUNQUE può riuscirci, in un modo o nell’altro.

Hai due alternative, infatti… O inizi a documentarti e impari a mettere insieme i consigli che ti ho appena dato, e soprattutto ad applicarli…

O prendi la scorciatoia, e ti affidi direttamente alle mani di un esperto.

Qualcuno che quel codice lo ha già craccato da tempo e non solo riesce a stare su quella linea sottile fra eccentrico e formale, ma addirittura ci ha messo le radici… E che ti può insegnare tutti i segreti che ti permetteranno di NON cadere né da un lato né dall’altro.

A presto, e… Che l’eleganza sia con te!

Nicola Serafini

 

 

P.S.

Voglio dirti una cosa ancora. Visto che questa tematica mi interessa molto, proprio perché – come ti ho accennato – molte persone mi ponevano questa domanda, ho fatto delle ricerche in merito. Parlando con i responsabili delle Risorse Umane di qualche grossa azienda, anche loro mi hanno confermato che durante un colloquio di lavoro valutano molto come il candidato si presenta in termini di abbigliamento.

Postura, gestualità, movimenti del viso e degli occhi… Sono tutte cose che hanno il loro ruolo. Quindi NON sottovalutarle.

Smetti di pensare che sia solo merito del curriculum se vieni assunto.

Il curriculum incide solo per metà.

L’altra metà la fa l’impressione che tu dai alla persona che ti sta valutando.

Quando tu entri in una stanza, la prima impressione che fai è quella che rimarrà più impressa nell’altra persona.

O viceversa, se NON sai lasciare un segno, è proprio la prima che si confonde con tutte le altre…

Impara a trovare la TUA immagine, il tuo stile e la tua eleganza. Impara a vestirti nella maniera giusta per il tuo colloquio di lavoro… Perché quello che ti separa un lavoro noioso dal lavoro dei tuoi sogni… potrebbe essere un semplice colloquio andato a buon fine.

Quindi…

Quindi clicca qui e permettimi di farti avere il lavoro dei tuoi sogni!

shadow-ornament

 

 

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi ricevere la guida gratuita su:
I 7 modelli di scarpe che ogni professionista di successo dovrebbe avere?


Scarica subito la tua copia OMAGGIO della guida, inserendo qui il tuo indirizzo email (dove riceverai il link per scaricare la guida).

Stai per ricevere il link ...

Qualcosa è andato storto