20 regole di eleganza per uomini che vogliono imparare sul serio a vestirsi bene – che devi conoscere anche se pensi di NON averne bisogno [Seconda Parte: regole 11-20]

La scorsa settimana ti ho svelato le prime 10 regole di eleganza maschile per uomini che vogliono imparare a vestirsi bene ma non sanno da dove partire.

Se ti sei perso quell’articolo, lo trovi QUI.

Come ti avevo promesso, oggi vedremo le altre 10 regole di eleganza che devi conoscere, per completare il tuo arsenale di regole base che ti permetteranno di dare una svolta alla tua immagine acquisendo più fascino e apparendo più autorevole nella tua professione.

Prima di cominciare, tuttavia, è necessaria una piccola premessa. Anche se hai letto lo scorso articolo, vorrei comunque ricordarti meglio perché ho deciso di compilare questa raccolta di 20 regole di eleganza, e a cosa ti servono.

Magari sei a un punto di svolta nella tua vita.

Hai aperto una nuova attività, hai cambiato ufficio, sei entrato in uno studio associato molto più grande del precedente.

Hai avviato l’azienda che progettavi da una vita.

Tutto questo necessita di una cosa fondamentale:

Una nuova immagine.

Non puoi sperare di avere successo se la tua immagine non è quella di un uomo di successo. Le apparenze contano, anche se non vorresti mai ammetterlo.

Non ti sto dicendo che basta un’immagine di successo per avere realmente successo. Ovviamente contano le capacità, la voglia di fare, e la tua reale competenza.

Ma… C’è un “ma”: conta anche l’immagine che dai al mondo di te.

E puoi essere il migliore avvocato della città, ma se ti presenti ogni giorno in ufficio con un logoro abito nero, o con un golfino tutto infeltrito e vecchio di 20 anni… allora hai un grosso problema.

Perché nessuno ti percepirà come realmente autorevole e competente.

Se invece ti presenti vestito in una certa maniera, e la tua immagine emana successo… allora le persone che ti incontreranno saranno molto più disposte a vederti come un vero “uomo di successo”.

Stessa cosa nella sfera privata.

A prescindere dal tuo aspetto fisico, il fascino passa soprattutto attraverso come ti vesti, gli accessori che scegli, e il tuo aspetto in generale.

copia-di-bagozza-3

Barba, occhiali, capelli, gioielli… TUTTO conta. Ogni singolo elemento ha un ruolo fondamentale nella costruzione della tua immagine, se vuoi apparire più affascinante.

Questo non significa necessariamente che tu voglia diventare un latin lover, o abbia in programma di tradire a breve la tua compagna con ogni forma vivente femminile che ti si piazzi davanti.

Significa semplicemente che, in quanto uomo, NON disdegni gli sguardi femminili.

A prescindere dalle tue reali attenzioni, immagina la sensazione che proveresti se ogni volta che entri in una stanza gli occhi femminili sono tutti per te. Immagina come ti sentiresti scoprendo che la segretaria del tuo cliente ti fissa ogni volta che sei nel suo ufficio, mentre non stai guardando, pensando che non te ne accorgi.

 

 

Come ti sentiresti? Non ti piacerebbe sapere di poter esercitare questo fascino su ogni donna che incontri?

Ecco, il fascino è una cosa che puoi acquisire. Non ha nulla a che vedere con il tuo aspetto fisico (anche se – non voglio mentirti – in parte conta anche questo).

Per tutte queste ragioni, queste 20 regole di eleganza di sveleranno come fare per migliorare la tua immagine, anche se finora non sapevi da che parte iniziare, e non hai idea di dove partire.

Quindi continuiamo il nostro percorso, che, ti ricordo, è iniziato con l’articolo di settimana scorsa, dove ti ho svelato le prime 10 regole di eleganza. Ora vediamo insieme le altre 10.

 

Regola di eleganza n° 11: Sii disinvolto, ma NON trasandato

Questa è la regola base della sprezzatura.

Devi pparire disinvolto, come se la tua immagine si sia creata da sola, e come se non ci sia alcuno sforzo dietro.

Una vera immagine di successo non tradisce gli sforzi di ricerca e di abbinamento che ci sono dietro. Deve sembrare che hai indossato le prime cose che hai trovato (anche se ovviamente non è così).

Non deve sembrare che hai speso ore a architettare il tuo outfit. Deve sembrare che hai scelto le prime cose che hai visto aprendo l’armadio.

Il tuo obiettivo principale deve essere:

Essere elegante ma senza mostrare alcuno sforzo per esserlo.

Ciò non significa che tu debba essere trasandato ovviamente, o poco curato. I tuoi abiti devono apparire al meglio, quindi niente abiti vecchi e rovinati, scoloriti, o – peggio ancora – sporchi.

Allo stesso tempo però, il tuo look deve essere naturale. Disinvolto. Spigliato. Ecco il vero segreto dell’eleganza. Questa disinvoltura si chiama “sprezzatura”. E puoi ottenerla sperimentando con i bracciali, gli anelli, i foulard, il gilet, e soprattutto con i colori.

 

 

Regola di eleganza n°12: Prova cose nuove

Quando stai sperimentando e cercando la tua identità, devi provare nuove cose. Devi sperimentare nuovi tipi di vestiti e stili diversi.

Devi provare tutte quelle cose che fino ad ora non avresti mai provato.

Solo così la tua immagine potrà veramente cambiare e crescere. Einstein diceva che è da folli continuare a fare le stesse cose aspettandosi risultati differenti. Ciò è verissimo, e vale anche per la tua immagine.

Magari prova a indossare dei chinos invece dei soliti jeans, o una giacca elegante al posto del solito maglioncino. Magari puoi optare per un business casual, o un’eleganza casual che sia comunque elegante anche se informale.

Al posto delle solite scarpe stringate puoi provare degli stivaletti, o anche dei mocassini (che magari finora non hai mai avuto). Stessa cosa se finora hai sempre indossato scarpe comode – ma BRUTTE.

Ti sorprenderai nel vedere quanto stai bene con degli elementi che finora hai sempre pensato che “non facessero per te”.

Pensa, ci sono alcune teorie che addirittura consigliano di entrare in un negozio e provare TUTTO ciò che trovi. Tutto. Ovviamente non devi comprare tutto, ma semplicemente sperimentare e provare cose nuove.

Secondo me non è necessario arrivare a questi estremi, ma non ci vedo nulla di male se vorrai provarci. Tuttavia ricorda che l’abbigliamento è il tuo migliore alleato per mascherare i tuoi difetti fisici (come la pancia, il grasso, o la magrezza) e per mettere in risalto i lati positivi della tua figura.

 

 

Regola di eleganza n° 13: Impara ad amare i COLORI!

Molti uomini sembra che non amino i colori. Nero, grigio, blu. FINE del guardaroba del 97% degli uomini.

Te compreso.

Se rientri in quella ristrettissima cerchia di uomini che possiede abiti di svariati colori, e indossa quotidianamente ogni colore possibile e immaginabile, allora passa pure alla prossima regola.

Se invece – come immagino – anche tu finora hai sempre indossato solo il nero, il marrone, il grigio e (qualche rara volta) il blu, allora apri bene le orecchie.

Devi capire quali colori ti stanno meglio, e lo puoi fare solo sperimentando (ovviamente in tutte le occasioni in cui non sia richiesto un dress code specifico).

Ricorda che i colori sono l’anima della tua immagine e dell’eleganza, quindi non dovresti MAI evitarli a priori.

 

Regola di eleganza n°14: Indossa i colori (ma con CAUTELA)

Sembra una contraddizione, lo so. La regola precedente diceva di indossare i colori, e ora ti dico di non esagerare. Ma fai attenzione, fidati di me.

Soprattutto all’inizio, non esagerare. Non mescolare troppi colori nello stesso momento.

Cerca di variare, e indossare ogni giorno un colore diverso, ma non mescolare troppi colori tutti insieme nello stesso abbinamento. Soprattutto in primavera e in estate, sia nella vita di tutti i giorni sia al mare.

Col tempo imparerai a distinguere cosa ti sta bene e cosa no, e come abbinarli fra loro, ma nel frattempo cerca di non strafare.

Indossa un solo colore dominante alla volta, e per il resto dell’outfit scegli colori neutri e “tranquilli”.

Ad esempio, se indossi un cardigan rosso e un pantalone beige, il colore dominante sarà comunque solo il rosso (mentre il beige dei pantaloni è un colore neutro, e passerà in secondo piano).

Stessa cosa, se infossi un pantalone bordeaux o vinaccia o viola, quindi con una forte personalità, la camicia dovrebbe essere “tranquilla” e neutra (magari grigio chiaro, o bianca, o nera).

Insomma, un solo protagonista alla volta – perlomeno all’inizio.

 

 

Regola di eleganza n°15: Fregatene delle battute!

All’inizio del tuo percorso, quando inizierai a migliorare il tuo stile, i tuoi amici di sempre potrebbero farti delle battute.

Fregatene.

Sorridi, ma fregatene. Loro rimarranno sempre nell’inutilità in cui li hai conosciuti – e in cui tu eri finora. Se vuoi passare al prossimo livello, devi muoverti da solo.

Loro non capiranno le tue scelte, e alcune volte le derideranno. Non sono pronti a fare il passo che tu invece stai facendo.

Quindi è inutile che provi a spiegare. Sorridi e fregatene, e vai avanti.

Col tempo, anche i tuoi amici e parenti si abitueranno al tuo nuovo look e dopo un po’ sembrerà una cosa normale anche per loro vederti vestito in una certa maniera.

 

 

Regola di eleganza n°16: Sii aperto ai consigli

Ci sono persone nella tua vita che proveranno a darti dei consigli di stile e di immagine. Se ti fidi di loro, ascoltali.

Quando sperimenti, ti capiterà di fare scelte azzardate. Di provare colori che in realtà ti stanno male. Quindi ascolta i consigli delle persone che ti sono accanto.

Di solito puoi capire quando una critica è genuina e sincera, o quando piuttosto qualcuno sta semplicemente cercando di criticarti a priori.

Il mio consiglio personale?

Guarda come si veste chi pretende di darti dei consigli, e poi decidi se accettarli.

 

Un consiglio è sempre ben accetto, ma se la persona che te lo dà è vestita peggio di te nei tuoi periodi peggiori, allora evidentemente quel consiglio con vale un cazzo. Quindi FREGATENE.

Regola di eleganza n°17: Sii onesto con te stesso

Non vuoi apparire come qualcuno che non ti rappresenta. La tua immagine deve esprimere la tua personalità.

Quindi non cercare di essere qualcun altro.

Non cercare di imitare qualcuno, famoso o meno. Non copiare lo stile altrui (anche se puoi prendere degli spunti, ovviamente).

Se lo fai, ti sentirai a disagio nei tuoi stessi panni. Saprai di essere figo, magari, ma non sarai a tuo agio perché quell’immagine non ti appartiene e non corrisponde alla tua personalità.

Se sei un introvertito, indossare colori sgargianti e abiti eccentrici ti metterà a disagio.

Se sei un tipo alla mano, spontaneo, sorridente, loquace, estroverso, indossare ogni giorno un completo formale sarà un controsenso per te e per chi ti conosce.

Devi semplicemente…

Diventare la versione più elegante di te stesso.

Quindi “meglio vestita”, e non necessariamente formale.

Nicola Serafini©

Nicola Serafini©

 

Regola di eleganza n°18: Ci vorrà un po’

Il tuo senso dell’eleganza e dello stile è come Roma: NON può essere costruita in un giorno.

Ti servirà del tempo. Quanto? Impossibile dirlo. Io personalmente ci ho messo anni a imparare e sperimentare, prima di mettere insieme tutte le tessere del mosaico e capirci realmente qualcosa.

In parte però è perché ho proceduto alla cieca e per tentativi. In parte anche perché per me era una vera e propria passione, quindi comunque l’ho fatto volentieri.

Nel tuo caso, sicuramente andrà meglio. Anche perché tu hai ME, le mie guide, i miei articoli, le mie email, e – volendo – il mio aiuto personale con le coaching private di eleganza “uno a uno”.

Con queste risorse, ci metterai molto MENO di quanto ci abbia messo io a suo tempo.

 

 

Regola di eleganza n°19: Accetta i tuoi errori

Preparati: farai degli errori. Nessuno di noi è immune dagli sbagli, e se decidi di sperimentare, devi anche prepararti a degli errori.

Io stesso ne faccio ancora. Ed è giusto che sia così. Perché se non fai errori significa che non stai provando, non stai sperimentando, e soprattutto non stai scoprendo nulla di nuovo.

Ti dico una cosa, che probabilmente ti potrà rincuorare. Pensa ai personaggi famosi: hanno degli stilisti che li seguono, spesso anche dei consulenti d’immagine, e indossano abiti spesso confezionati apposta per loro.

Eppure… Anche loro fanno errori. Si presentano a una prima teatrale con abiti orrendi. Le riviste di moda li mettono al patibolo per la scelta di un abito piuttosto che per una acconciatura dei capelli.

Perché? Perché sperimentano. Quindi è normale ogni tanto fare uno strafalcione.

Quando ne fai uno, accettalo e vai avanti.

Per farne il meno possibile, fin da subito, parti da QUI.

 

 

Regola di eleganza n°20: Arriverai – prima o poi!

Se continui a impegnarti, e a studiare, il tuo occhio diventerà più esperto. Imparerai col tempo a riconoscere cosa fa al caso tuo e cosa no, cosa è elegante e cosa no.

Si tratta semplicemente di esperienza e di pratica. Non devi nemmeno studiare come un matto ogni giorno. Basta semplicemente che ti applichi un po’, e che nel tempo libero ti leggi qualcosa sull’argomento.

La cosa bella è che fin da subito inizierai a notare dei dettagli negli outfit delle persone che incontri, e che prima non notavi. Ti cadrà l’occhio su singoli particolari sui quali prima non facevi nemmeno caso.

Imparerai piano piano a giudicare meglio i dettagli, tuoi e degli altri, e tutto questo ti farà crescere tantissimo.

Non importa quanto tu ti senta lontano, un passo alla volta diventerai ANCHE TU un vero uomo elegante!

 

************************

 

Ecco. Queste erano le 20 regole di eleganza che ho preparato per te.

Segui queste regole e potrai sviluppare il tuo senso dell’eleganza e dello stile maschile

Seguendo queste dritte, potrai costruirti un’immagine nuova, acquisire più fascino e apparire più autorevole. MA dovrai lavorarci.

Non basta aver letto queste regole per diventare un uomo nuovo.

Il cambiamento non viene dalla lettura di qualcosa, ma dall’azione.

Quindi, se vuoi passare al lato pratico, scegli un singolo aspetto o una regola, e parti da quella. Io personalmente ti consiglio la regola n°6.

Una volta che avrai capito in profondità l’importanza di una singola cosa, passa a quella successiva.

Col tempo, gradualmente, vedrai dei miglioramenti. Imparerai a vedere meglio tante cose, a decidere con più facilità, a capire cosa stai sbagliando.

Ma tutto questo NON vale se hai delle profonde lacune.

Tutto bello e tutto vero, quanto ti ho detto finora, sul fatto che partendo da queste regole puoi migliorare la tua immagine. È verissimo, ma se veramente attualmente sei a un livello zero (o sotto zero) queste regole da sole non bastano.

Queste 20 regole di eleganza sono i mattoni. Ma a te mancano le fondamenta.

Delle solide basi su cui applicare queste regole e costruire il grandioso castello della tua nuova immagine.

Per tua fortuna, ovviamente, ci sono qua io. Altrimenti di cosa te ne fai dei mattoni se non sai dove metterli?

Non ti darei MAI i mattoni senza darti ANCHE le fondamenta su cui costruire.

E quelle fondamenta, le trovi proprio QUI.

Alla prossima, e che l’eleganza sia con te!

Nicola Serafini.

***

 

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo blog - come tutti i i siti - utilizza dei cookies. Cookies Policy | >> Accetto e continuo >>